Latest Post

L’ente commerciale del Bengala organizza un evento per il finanziamento delle startup Migliaia di persone soffrono di una misteriosa malattia chiamata sindrome VEXAS

L'immagine mostra uno sciroppo in una bottiglia.— Unsplash
L’immagine mostra uno sciroppo in una bottiglia.— Unsplash

NUOVA DELHI: l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha emesso un avviso di allerta contro l’uso di due Sciroppi per la tosse indiani accusato della morte di almeno 20 bambini in Uzbekistan.

L’OMS ha affermato che i prodotti, fabbricati dall’indiana Marion Biotech, erano “scadenti” e che l’azienda non aveva fornito garanzie sulla loro “sicurezza e qualità”.

L’allerta, emessa mercoledì, arriva dopo che le autorità dell’Uzbekistan hanno dichiarato il mese scorso almeno 20 i bambini sono morti dopo aver consumato uno sciroppo prodotto dall’azienda con il marchio Doc-1 Max.

Il ministero della salute indiano ha successivamente sospeso la produzione presso l’azienda e l’Uzbekistan ha vietato l’importazione e la vendita di Doc-1 Max.

L’allarme dell’OMS afferma che un’analisi dei campioni di sciroppo da parte dei laboratori di controllo qualità dell’Uzbekistan ha rilevato “quantità inaccettabili di glicole dietilenico e/o glicole etilenico come contaminanti”.

Il glicole dietilenico e l’etilene sono tossici per l’uomo se consumati e possono rivelarsi fatali.

“Entrambi questi prodotti potrebbero avere autorizzazioni all’immissione in commercio in altri paesi della regione. Potrebbero anche essere stati distribuiti, attraverso mercati informali, in altri paesi o regioni”, ha affermato l’OMS.

I prodotti erano “non sicuri e il loro uso, soprattutto nei bambini, può provocare lesioni gravi o morte”, ha affermato.

Non è stato possibile raggiungere immediatamente i funzionari di Marion Biotech per un commento.

È il secondo produttore di farmaci indiano ad affrontare un’indagine da parte delle autorità di regolamentazione da ottobre, quando l’OMS ha collegato i medicinali di un’altra azienda a un’ondata di morti infantili in Gambia.

Maiden Pharmaceuticals è stata accusata di aver prodotto diversi rimedi tossici per la tosse e il raffreddore che hanno portato alla morte di almeno 66 bambini nel paese africano.

Le vittime, per lo più di età compresa tra cinque mesi e quattro anni, sono morte per insufficienza renale acuta.

L’India ha avviato un’indagine su Maiden Pharmaceuticals, ma in seguito ha affermato che l’indagine aveva scoperto che i farmaci sospetti erano di “qualità standard”.

Source link