Latest Post

Una nuova ricerca può aiutare a proteggere i bambini prematuri dalla cecità “La maggior parte dei focolai di intossicazione alimentare nei ristoratori malati”

Un uomo siede preoccupato su un ponte, affacciato su una strada trafficata.  — Unsplash/File
Un uomo siede preoccupato su un ponte, affacciato su una strada trafficata. — Unsplash/File

Nonostante il significativo sviluppo dei servizi sanitari, uno studio recente ha rivelato che esiste una notevole differenza tra il tasso di mortalità dei neri e dei bianchi in quanto i primi sono quelli che soffrono di più a questo proposito a causa “del modo in cui il sistema di assistenza medica li tratta perché della loro razza”, ha riferito Notizie CBS.

I ricercatori dello studio — pubblicato martedì sulla rivista medica GIAMA — ha scritto: “Dopo un periodo di progressi nella riduzione delle disparità, i miglioramenti si sono bloccati e le differenze tra la popolazione nera e quella bianca sono peggiorate nel 2020”.

Secondo i risultati dello studio, “la popolazione nera negli Stati Uniti ha subito oltre 1,63 milioni di morti in più – e oltre 80 milioni di anni di vita persi in eccesso – rispetto alla popolazione bianca dal 1999 al 2020”.

“Le malattie cardiache avevano i più alti tassi di mortalità in eccesso e gli anni in eccesso di potenziali tassi di vita persa erano maggiori tra i neonati e gli adulti di mezza età”, hanno osservato i ricercatori.

Lo studio ha anche considerato che il cancro, in particolare negli uomini, è stato anche una delle principali cause della differenza di decessi.

Uno studio pubblicato nel 2020 ha anche dimostrato che la pandemia di COVID-19 ha colpito in modo sproporzionato la popolazione nera.

Il dottor Harlan Krumholz, l’autore principale dello studio, ha dichiarato sottolineando l’impatto della razza sulla mortalità: “Tutti gli svantaggi in cui incorrono i neri finiscono per essere tradotti sia in età molto giovane che nella mezza età e nell’età avanzata in enormi quantità di anni persi nella morte prematura. E questo è davvero, credo, qualcosa di inaccettabile”.

“La razza è un costrutto sociale”, il che significa che la razza non gioca un ruolo essenziale nella biologia.

“Le persone non nascono predeterminate dal fatto che le loro aspettative di vita saranno più brevi, ma da dove vivono, dalle esposizioni che hanno, dal modo in cui il sistema sanitario le tratta semplicemente a causa della loro razza”, dice.

“Ci ha riportato a una situazione in cui non eravamo migliori di 20 anni fa”, afferma Krumholz.

“Queste sono morti prevenibili e sta solo a noi configurare la società in modo che risponda ai bisogni di questa comunità e possa riconoscere il nostro obbligo di eliminare queste disparità”, ha aggiunto.

“La disparità che fa riflettere osservata in questo studio tra i neonati e durante l’infanzia ha rappresentato un numero notevolmente elevato di morti in eccesso e una disparità ancora più pronunciata negli anni di vita potenziale persi”, hanno affermato gli autori.

Source link